Vegan hamburger di fagioli e quinoa senza glutine
17 marzo 2017
Tre esempi di colazione detox!
29 marzo 2017

Come parlare in pubblico senza avere l’ansia

Molto spesso le persone mi riportano le loro difficoltà nel parlare in pubblico in ambito lavorativo o di studio o semplicemente nell’affrontare discussioni importanti o intavolare un discorso impegnativo. A volte si fatica ad esprimersi perché l’ansia e l’agitazione prendono il sopravvento.

Il sentimento di base che contraddistingue queste situazioni è nella maggior parte dei casi la paura: paura di essere giudicati, paura di parlare a vanvera, paura di non essere all’altezza, paura di non riuscire a concludere un discorso come si vorrebbe.

Per prima cosa è di fondamentale importanza mantenere il controllo e la calma. Per farlo basta partire dal nostro RESPIRO.

EH SI, IL MODO IN CUI RESPIRIAMO SANCISCE INFATTI LO STIMOLO NERVOSO CHE GUIDA LE NOSTRE AZIONI. IN PARTICOLARE, QUANDO SIAMO PIÙ AGITATI O ABBIAMO PAURA DI PARLARE IN PUBBLICO O DI AFFRONTARE UN DISCORSO IMPORTANTE, LA PRIMA COSA CHE ACCADE È UNA VARIAZIONE DEL NOSTRO RESPIRO

Iniziamo infatti a respirare in modo affannato e veloce ma soprattutto blocchiamo completamente il nostro diaframma. Il DIAFRAMMA è uno dei muscoli più importanti del corpo:  favorisce la digestione, guida il nostro respiro, rilassa il sistema nervoso se correttamente utilizzato, ci consente di calmare la mente e tenere a bada l’ansia, condiziona il nostro battito cardiaco ed è fondamentale per la nostra postura. Quando siamo più agitati il diaframma si blocca e la nostra respirazione avviene con la parte superiore del petto. Per calmare l’ansia ed iniziare a lavorare sulla paura di esprimerci in pubblico,  è necessario iniziare a sollecitare il diaframma attraverso la così detta RESPIRAZIONE DIAFRAMMATICA.

Come fare la respirazione diaframmatica

Basta portare le mani sulla pancia e sentire innanzitutto se l’addome si muove quando respiriamo. Se non si muove, possiamo iniziare a gonfiare la pancia nell’ispirazione e sgonfiarla nell’espirazione. Dopo alcune volte che faremo questo esercizio, magari ad occhi chiusi distesi sul letto, inizieremo a percepire ogni sensazione che il corpo ci dona. Noteremo subito che la mente si tranquillizza e l’ansia si placa. Questo esercizio andrebbe fatto quotidianamente per indurre un rilassamento profondo al corpo e per rigenerare la mente.

Rimedi per gestire l’ansia di parlare in pubblico

Oltre alla respirazione diaframmatica che puoi approfondire in questo mio articolo cliccando qui,  si dimostrano molto utili altri due rimedi naturali. Si tratta di due rimedi appartenenti alla floriterapia australiana particolarmente indicati quando si deve parlare in pubblico o sostenere un discorso importante.

Il primo fiore  è BUSH FUCHSIA, un’essenza  che favorisce l’esposizione orale e la capacità di verbalizzazione, migliorando anche la chiarezza espressiva della voce. Agisce riequilibrando i due emisferi cerebrali, favorisce le nostre capacità intuitive e da sicurezza nel parlare in pubblico. Migliora la forza espressiva ed è fondamentale nelle problematiche di apprendimento. Aiuta a fissare i concetti del discorso nella nostra mente evitando così dimenticanze ed aumentando la fiducia  nell’esprimerci.

L’altro rimedio è il fiore australiano CROWEA, utile per placare stati d’ansia e di agitazione. Offre la giusta centratura e calma per parlare di fronte al pubblico, per sostenere un discorso importante o un esame. Questo fiore contrasta l’ansia da prestazione e permette di rimaner concentrati anziché pensare al giudizio degli altri. Inoltre quest’essenza rilassa il diaframma e dona la giusta sicurezza nell’espressione verbale. Placa il senso di inadeguatezza ed ha un effetto calmante e positivo sulla mente.

E tu quali strategie naturali utilizzi quando devi parlare in pubblico o sostenere una discussione importante?

Scrivimelo nei commenti sulla mia pagina facebook!

Francesca Panfili
Francesca Panfili
Sono naturopata e insegnante di yoga. Sono specializzata in Iridologia, Alimentazione Naturale, Floriterapia australiana e Micoterapia ovvero l’utilizzo dei funghi medicinali a scopo terapeutico. Ti aiuto a costruire il tuo benessere ogni giorno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.