PERCHE’ NON DOVRESTI STRESSARTI
5 Marzo 2019
Coronavirus, prevenzione e naturopatia
26 Febbraio 2020
Più ghee per tutti

ghee burro chiarificato

Il ghee o burro chiarificato è un rimedio tipico della tradizione ayurvedica. E’ un prodotto che si ottiene dal burro di qualità, meglio se ricavato dal latte di mucche felici allevate al pascolo (grass fed). Si può acquistare già pronto o ci si può cimentare a farlo in casa in modo molto semplice, veloce ed economico.

Ecco la ricetta semplice per fare in casa il nostro burro chiarificato:

  1. Mettere i panetti di burro di malga bio (circa 500gr) in una padellina dal fondo abbastanza spesso e cuocere a fuoco molto basso senza mai girare il composto. In questo modo la componente grassa inizierà a separarsi dalle caseine e la piccola percentuale di acqua contenuta nel burro inizierà ad evaporare. Lasciarlo cuocere per una ventina di minuti.
  2. Dopo circa 10 minuti nel corso dell’ebollizione si formerà una schiuma bianca sulla superficie. Questa schiuma, ricca delle caseine del burro, deve essere rimossa con un cucchiaio prima di filtrare il ghee.
  3. Ora si procede a filtrare il composto oleoso all’interno di un contenitore di vetro. Io utilizzo un colino rivestito con un panno di cotone o una garza sterile per cercare di trattenere il più possibile le impurità. Una volta raffreddato il vostro ghee è pronto. Può essere conservato in frigo e utilizzato per diversi tipi di impiego.

Come utilizzare il ghee

Il burro chiarificato può essere utilizzato in cucina al posto dell’olio per cuocere o saltare le verdure. La sua caratteristica è senz’altro quella di avere un punto di fumo molto più elevato (250 gradi) rispetto ad un burro normale che a 130 gradi circa inizia a bruciare. Per questa ragione è un grasso più stabile per cucinare.

Il ghee si conserva più a lungo del classico burro. Può essere impiegato come condimento al posto dell’olio o nei rimedi come il golden milk di cui parleremo. Inoltre può essere utilizzato come crema, unguento per il corpo data la sua natura poliedrica.

Vediamo ora perché dovremmo integrare questo grande rimedio nella nostra alimentazione quotidiana

Il ghee è privo di caseina, la proteina del latte che spesso genera intolleranze e infiammazione e non contiene  lattosio quindi risulta essere molto utilizzato anche da chi ha problemi con gli zuccheri del latte.

E’ UN RIMEDIO NATURALE TIPICO DELLA MEDICINA AYURVEDICA CHE LO UTILIZZA DA MILLENNI PER LE SUE PROPRIETÀ TONICHE E NUTRITIVE. E’ CONSIGLIATO PER RIPRENDERSI DA LUNGHE CONVALESCENZA, MIGLIORA LA DIGESTIONE E PURIFICA IL SANGUE. INOLTRE HA UN EFFETTO ANTIOSSIDANTE CHE CONSENTE QUINDI DI PREVENIRE LA FORMAZIONE DI RADICALI LIBERI.

Secondo gli antichi medici ayurvedici, il ghee tonifica fegato e reni e svolge un’importante azione sulla memoria e la vista. Migliora la capacità di assorbimento intestinale e consente di lubrificare le articolazione  migliorando il tono muscolare. Ovviamente non bisogna abusarne come per tutte le cose!

Cosa dice la scienza del ghee

Il ghee è composto da grassi ‘buoni’ ovvero da acidi grassi saturi a catena media e corta. Questo rende il burro chiarificato molto più digeribile del normale burro o delle margarine e consente a questo rimedio di lavorare sul nostro intestino.

E’ RICCO DI VITAMINE LIPOSOLUBILI COME LA VITAMINA A, D, E E K. I SUOI GRASSI FORNISCONO ENERGIA AL CORPO SENZA APPESANTIRE IL METABOLISMO E STIMOLANO POSITIVAMENTE IL SISTEMA IMMUNITARIO LAVORANDO SUL MICROBIOTA INTESTINALE.

Si potrebbe pensare che essendo un grasso faccia male. In realtà tutto quello che sappiamo sui grassi andrebbe rivisto, come conferma anche la scienza. E’ infatti superata l’era della demonizzazione di questi importanti composti che di cui sono ricchissimi anche i nostri organi principali come il cuore e il cervello, cosi come le nostre membrane cellulari che sono costituite da un doppio strato lipidico.

I GRASSI ‘BUONI’ SERVONO AL NOSTRO CORPO PER SVOLGERE NUMEROSISSIME FUNZIONI METABOLICHE E GARANTISCONO IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DEL NOSTRO ORGANISMO ED IN PARTICOLARE DEI NOSTRI ORMONI E LE MEDICINE ANTICHE, COME QUELLA AYURVEDICA O TIBETANA, TUTTO QUESTO LO SOSTENGONO DA MILLENNI.

Il ghee contiene alcune sostanze oggetto di numerose ricerche. Tra queste troviamo l’acido stearico e l’acido butirrico. Il primo ha potere aterogeno e lavora sul nostro colesterolo così detto ‘cattivo’ LDL. L’acido butirrico invece è stato oggetto di numerosissime ricerche negli ultimi anni per l’azione che svolge a livello intestinale.

QUESTA SOSTANZA NUTRE INFATTI LA FLORA BATTERICA INTESTINALE E SVOLGE UN’AZIONE PREVENTIVA SUL TUMORE DEL COLON, SFIAMMA L’INTESTINO E CONSENTE DI RIDURRE I SINTOMI DELLA PERMEABILITÀ INTESTINALE.

Insomma da oggi avete tanti buoni motivi in più per iniziare ad integrare il ghee nella vostra alimentazione quotidiana senza avere paura dei grassi. Il mio consiglio è quello di auto produrre questo grande rimedio e di utilizzarne un cucchiaino ogni giorno.

Come sempre spero che questo articolo vi sia stato utile. Se è così condividilo e aiutami a diffondere il benessere naturale!

Francesca Panfili
Francesca Panfili
Sono naturopata e insegnante di yoga. Sono specializzata in Iridologia, Alimentazione Naturale, Floriterapia australiana e Micoterapia ovvero l’utilizzo dei funghi medicinali a scopo terapeutico. Ti aiuto a costruire il tuo benessere ogni giorno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.